Scuola di Ecografia Clinica
Centro di Ricerca e Formazione in Ecografia
Ospedale Maggiore
Largo B. Nigrisoli 2 - 40133 Bologna

Informazioni per medici e pazienti > Ambiti di attività

StampaAngioma epatico

Definizione
Si tratta della lesione focale benigna epatica di più frequente riscontro, grazie anche alla diffusione dell'esame ecografico addominale, nel quale viene spesso rilevato come reperto occasionale. Tale lesione, che può essere congenita, non degenera mai in neoplasia maligna.
L’angioma è una neoformazione vascolare costituita da lacune vasali rivestite da endotelio con tessuto connettivo interposto. Si possono associare fenomeni di emorragia o calcificazioni, e gli spazi vascolari possono presentare trombosi all'interno. Tale lesione può presentare dimensioni estrememamente variabili (da pochi mm a diversi cm), e può essere singola o multipla.

Sintomi
Come già riportato, nella maggior parte dei casi, l’angioma è completamente asintomatico e viene evidenziato nel corso di un esame ecografico di screening o effettuato per altra patologia; in alcuni casi, in particolare nel caso di angiomi di grandi dimensioni, o sottocapsulari, il Paziente può presentare sintomi aspecifici quali senso di peso addominale, dolore, dispepsia.

Diagnosi
La diagnostica degli angiomi si basa essenzialmente sull’ecografia; metodiche quali TC, RM, scintigrafia con emazie marcate, angiografia, vengono utilizzate per la conferma diagnostica in casi “atipici”.
Ecografia: l'angioma si presenta, tipicamente, come una formazione iperecogena a margini netti nel contesto del parenchima epatico. In alcuni casi particolari, l’angioma può presentarsi come un’area ipoecogena o disomogenea (angioma atipico).
Ecografia con mezzo di contrasto: la lesione si presenta omogeneamente iperecogena, con progressione centripeta.
TC con mezzo di contrasto: l’angioma capta selettivamente e progressivamente il mezzo di contrasto, dalla periferia al centro.
RM: l’angioma appare iperintenso nelle immagini ottenute nelle sequenze T2.
Scintigrafia con emazie marcate: l’angioma capta selettivamente l’isotopo radiomercato in fase tardiva, con picco fra 30' e 50'.
Angiografia: viene eseguita quasi esclusivamente nei pazienti candidati ad un trattamento chirurgico e mostra l'angioma come lesione ipervascolarizzata.

Terapia
Normalmente, l'angioma epatico non necessita di alcuna terapia. In assenza di sintomi di rilievo è consigliabile un follow-up ecografico annuale
Nel caso di accertato e documentato accrescimento volumetrico dell’angioma, o in presenza di sintomatologia sicuramente correlata ad esso, può essere indicata la terapia chirurgica resettiva.
Solo in casi eccezionali, nei quali l’angioma si accresce fino a sostituire tutto il fegato fino a determinare sintomi da insufficienza epatica, può essere indicato il trapianto di fegato.